X

L’impianto termico è un impianto tecnologico destinato alla climatizzazione estiva ed invernale degli ambienti con o senza produzione di acqua calda per usi igienici e sanitari o alla sola produzione centralizzata di acqua calda per gli stessi usi, comprendente eventuali sistemi di produzione, distribuzione e utilizzazione del calore nonché gli organi di regolazione e di controllo.

Sono compresi negli impianti termici gli impianti individuali di riscaldamento, mentre non sono considerati impianti termici apparecchi quali: caminetti, scaldacqua unifamiliari; tali apparecchi, se fissi, sono tuttavia assimilati agli impianti termici quando la somma delle potenze nominali del focolare degli apparecchi al servizio della singola unità immobiliare è maggiore o uguale a 15 kW. (decreto legislativo 192/05 modificato dal decreto legislativo 311/06).

  • CENTRALE TERMICA

    Con lo sguardo proiettato al futuro, la Cravanzola Impianti è in continua evoluzione, ci occupiamo anche di impianti fotovoltaici e solare termico; infatti la legge prevede che, nelle nuove costruzioni e negli edifici esistenti sottoposti a ristrutturazioni rilevanti, gli impianti di produzione di energia termica debbano garantire il rispetto della copertura definita per legge, tramite il ricorso ad energia prodotta da fonti rinnovabili.

    La centrale termica è quel luogo, in cui trovano alloggiamento tutte quelle componenti e apparecchiature che servono a produrre e distribuire energia termica in un edificio. Il fattore principale di una centrale termica è il generatore di calore cioè la caldaia.

  • DISTRIBUZIONE TERMICA

    La distribuzione del calore in una casa o in un edificio può avvenire tramite: il radiatore, il ventil e il radiante.

    RADIATORE: Il radiatore, è caratterizzato dalla fornitura di un calore costante e uniforme; questo sistema di distribuzione, non risponde più molto alle esigenze attuali delle famiglie. Oggi il riscaldamento deve essere soprattutto: istantaneo, discontinuo e igienico.

    VENTIL: I ventilconvettori producono un flusso d’aria forzata, per mezzo del ventilatore di cui sono equipaggiati, che investe l’intero ambiente.

    RADIANTE: I pannelli radianti sono sistemi di riscaldamento che utilizzano il calore proveniente da tubazioni collocate dietro le superfici dell'ambiente da riscaldare.

  • CONTABILIZZAZIONE CALORIE

    La contabilizzazione significa gestire in autonomia e indipendenza il riscaldamento negli edifici dotati di caldaia centralizzata oppure allacciati ad un’utenza centralizzata di teleriscaldamento. Significa poter regolare autonomamente la temperatura del proprio appartamento pagando soltanto in base all’effettivo uso del riscaldamento.

    L'installazione è molto semplice e veloce, non necessita di lavori di muratura e l'intervento viene eseguito da tecnici specializzati. Su tutti i corpi radianti viene installato un contatore di calore elettronico che consente di rilevare il consumo preciso di ogni termosifone.

  • DISTRUBUZIONE TERMICA A RADIANTE

    I sistemi di riscaldamento a pavimento sono igienici. Questa soluzione può essere adottata per nuovi edifici o ristrutturazioni. L'installazione invisibile fa sì che non si debba costantemente preoccuparsi di pulire le zone dietro ai radiatori o ai tubi a vista. Questo sistema di riscaldamento è il più adatto per chi soffre di allergie, poiché non solleva polveri. Il calore delicato creato dai sistemi di riscaldamento radiante agisce direttamente sul corpo. Risultato: lo stesso livello di comfort ma con una temperatura ambiente inferiore di 2 °C.
    Esistono pannelli a soffitto sia per riscaldamento che per raffrescamento. Il sistema è silenzioso e può facilmente essere installato in nuovi edifici e ristrutturazioni. Cravanzola Impianti fornisce diverse soluzioni a seconda del progetto e della necessità di climatizzazione dell’edificio.
    L'installazione può essere supportata da qualsiasi sistema di riscaldamento ad acqua. Il riscaldamento a parete è un sistema a bassa temperatura per gli edifici residenziali e non residenziali. Il sistema è anche sufficientemente flessibile per soddisfare le esigenze dei rapidi cambiamenti di temperatura in primavera e autunno. Questo sistema lavora a basse temperature e ciò permette di fornire un fresco confortevole in estate e riscaldamento in inverno.

    CENTRALE TERMICA

    Le caldaie a gas metano sono molto diffuse perché ci si allaccia alla distribuzione della rete del gas metano, le caldaie a GPL sono invece usate dove non arriva il metano e necessitano di una cisterna per immagazzinare il GPL. Le caldaie a gasolio sono ormai rimaste in uso prevalentemente nelle località non servite dal gas metano.
    Per caldaie biomasse si intendono tutte le caldaie che sono alimentate con combustibile di tipo biomassa cioè combustibili ecologici come il pellet, il cippato, la legna, i noccioli di pesca ecc. Utilizzando questo tipo di combustibile si contribuisce a diminuire la dipendenza da fonti energetiche non rinnovabili come il petrolio, il gas e il carbone; e garantiscono un alto rendimento energetico e una maggiore autonomia.
    Le caldaie a condensazione sono tra le più moderne ed ecologiche ad oggi esistenti. La caldaia a condensazione infatti, a differenza della caldaia tradizionale, può recuperare gran parte del calore contenuto nei fumi espulsi attraverso il camino. La particolare tecnologia della condensazione consente infatti di raffreddare i fumi che si trasformano tornando allo stato di liquido, con un recupero di calore utilizzato per preriscaldare l'acqua di ritorno dall'impianto. In questo modo la temperatura dei fumi di uscita mantiene sempre lo stesso valore della temperatura di mandata dell'acqua, ben inferiore quindi ai 140-160°C dei generatori ad alto rendimento ed ai 200-250°C dei generatori di tipo tradizionale.